Passa ai contenuti principali

E-Commerce, le previsioni e le tendenze per il 2013

Il 2012 è stato un anno positivo per l'e-commerce. A quanto pare le previsioni per il 2013 sono ottimiste: le vendite dovrebbero superare quelle dell'anno appena concluso. Si parla comunque di una crescita globale attesa tra il 10% e il 20%. In particolare ci si aspetta un grosso aumento delle vendite in Asia, che da sola dovrebbe veder aumentare le vendite del e-commerce di circa il 30%.


L'aumento previsto sarà dettato sia dall'aumento del numero delle transazioni che dall'aumento delle aziende che entrano nel web a vendere.
Grazie alle nuove tecnologie il costo di implementazione di un'e-commerce è drasticamente ridotto.
Un piccolo imprenditore, un artigiano o un privato possono mettere in piedi un sistema e-commerce con un budget ormai a portata di tutti. Ciò significa affidarsi ad un sistema “prefabbricato”, ovvero ad un CMS orientato all'e-commerce, che chiaramente è meno flessibile di uno strumento professionale costruito su misura. Per la piccola impresa però il gioco dovrebbe valere la candela: i vincoli dettati da un CMS non dovrebbero pesare sulla qualità dell'e-commerce.



Ecco alcuni trend da tenere sotto osservazione: 
  • affermarsi delle nuove tecnologie, come ad esempio la sempre maggiore diffusione dei dispositivi mobile
  • le nuove modalità di interazione offerte dei social media, unite alle nuove tendenze del Web marketing, spingono a cambiare il modo in cui vengono gestiti i clienti
In particolare dovrebbe cambiare sia il modo in cui vengono profilati i clienti, sia il modo in cui i diversi canali di marketing collaborano tra loro. Al momento molte piattaforme permettono la profilazione e segmentazione degli utenti, ma sono ancora poche le aziende che sfruttano appieno queste informazioni. Molto spesso le statistiche relative ad un canale vengono usate solo per confrontare tra loro i canali, invece che per profilare il cliente su un sistema CRM “orizzontale” a tutti i canali.

Quindi okkio a questi elementi:
  • responsive design per l'adattamento dell'e-commerce ai nuovi dispositivi mobile
  • campagne e-mail, post sui social network, profilazione dell'utente da altri canali, pubblicità su AdWords, ecc.
  • il trend sembra indicare che sempre più spesso gli utenti si affidano ai motore di ricerca per cercare prodotti e soluzioni locali. Il Web sta diventando sempre più una versione digitalizzata (e interattiva) delle vecchie pagine gialle,. Quindi puntare anche sulle piattaforme che si concentrano sul locale
  • personalizzazione delle impostazioni del sito visualizzazione, ricerca ed interazione
  • contenuti di qualità per il SEO
  • realtà aumentata
  • realtà aumentata: l'uso di questa tecnologia, reso più semplice dalla diffusione della Kinect, potrebbe trovare applicazioni nel e-commerce. Per fare un esempio banale, alcune aziende hanno già prodotto sistemi che permettono di provare abiti e vestiti in una sorta di camerino virtuale
  • consegna in giornata: negli Stati Uniti alcuni venditori hanno già sperimentando la consegna in giornata
  • consegna gratuita
  • shopping vocale: molti dispositivi mobile permettono la navigazione vocale. Esistono già alcuni prototipi di “assistenti virtuali intelligenti”. Si tratta di programmi che interagiscono con l'utente in maniera semplice e intuitiva, tramite lo scambio di poche frasi. Questo interfacce permettono all'utente di scegliere un prodotto, ricevendo al tempo stesso suggerimenti sulle promozioni, sui prodotti simili e sulle ricorrenze personali dell'utente
  • contatto live con il cliente: possibilità da parte del cliente di connettersi immediatamente con il servizio di assistenza tramite una chat integrata nell'e-commerce
Queste sono le tendenze.... hmm al alvoro

Post popolari in questo blog

install language on osTicket

this simple guide aims you to install and configure your language on osTicket i written this guide based on forum post http://osticket.com/forum/discussion/76252/installing-language-pack

Creare un ambiente di sviluppo PHP SYMFONY MYSQL DOCKER

Preferisco Docker a Vagrant, più leggero. Ognuno naturalmente ha le sue preferenze.
Docker lo trovo più facile e veloce da configurare.
Non conosci Docker, vai sul sito e scoprirai un tool fantastico per "virtualizzare" le macchine, anche se non è il termine corretto.
Docker crea un contenitore all'interno del tu S.O. senza però virtualizzare l'infrastruttura hardware.
A me piace sviluppare con Symfony: W Symfony2!

[update: ho trovato questa serie di post nuovi per lo sviluppo con symfony su docker
https://blog.vandenbrand.org/2016/02/03/developing-symfony-applications-with-docker-series-part-i-getting-started/
]

5 step semplici per velocizzare PrestaShop

se hai plesk installato sul server e hai accesso diretto al tuo server tramite ssh e il tuo server è basato su Ubuntu, ecco le istruzioni per installare memcached da usare con PrestaShop
step 1: installare le librerie ubuntu per compilare memcached installare le libreiria di compiliazione (versione ubuntu)
apt install php7.0-dev git pkg-config build-essential libmemcached-dev step 2: clonare il repo di php-memcached clone del repository php-memcached sul server
git clone https://github.com/php-memcached-dev/php-memcached.git step 3: compilare e installare il modulo php di memcached cambiare branch
cd php-memcached git checkout php7 phpize ./configure --disable-memcached-sasl make make test make install step 4: configurare plesk la libreria memcached.so dovrebbe essere stata installata sotto /usr/lib/php/20151012/. Per un check veloce
ll /usr/lib/php/20151012/ infine all’interno del dominio plesk configurare memcached

poi...

step 5: configurare PrestaShop con Memcached nel BO di Presta…