Passa ai contenuti principali

Setup Google Tag Manager con PrestaShop per l'e-commerce avanzato

Google Tag Manage e E-commerce Avanzato

all’interno della documentazione ufficiale è descritto sia il processo che il codice di implementazione per il monitoraggio avanzato dell’e-commerce
In breve il codice da inserire deve essere un array tipo dataLayer che contiene una serie di informazioni per il monitoraggio di:
  • impressioni di prodotto e di categoria
  • dettaglio di prodotto
  • checkout
  • acquisto
Sono presenti anche i meccanismi per il monitoraggio delle promozioni, per l’annullamento ordine e per l’aggiunta dinamica del prodotto in carrello
Nel caso del modulo BwAnalytics sono monitorati i primi 4.

Google Tag Manager

L’attivazione dell’ecommerce avanzato si effettua sulla vista di Google Analytics e si impostano i nomi degli step del processo di checout mappati all’interno del codice
Limpostazione di Google Tag Manager per l’e-commerce avanzato richiede la greazione di 3 tag:
  1. impressioni e dattagli categoria e prodotto
  2. checkout
  3. acquisto

pagine prestashop coinvolte

Su prestashop le pagine di:
  • prodotto terminano sempre per “.html”
  • checkout contengono la parola “ordine” nell’url
  • acquisto contiene la stringa “conferma-ordine” nell’url
Comunque su prestashop è possibile impostare le le url delle pagine appositamente per distinguere la pagina categoria dalla pagina prodotto dalle altre pagine, facendo attenzione al seo già acquisito

caratteristiche tag da impostare

I tag su Google Tag Manager sono di tipo Universal Analytics e devono avere come tipo di monitoraggio “visualizzazione Pagina”.
Nei tag in creazione deve essere abilitata l’opzione “attiva funzioni ecommerce avanzate” e “usa livello dati” sotto “altre impostazioni” e “Funzioni ecommerce (beta)”

regole di attivazione dei tag

I Tag in creazione devono attivarsi solo quando incontrano le pagine mappate sopra
  • impressioni di prodotto e di categoria: regola in cui l’url non contiene la parola “ordine”, per non mappare il checkout; regola in cui l’url non contiene la parola “module”, per vitare altre pagine non pertinenti; regola in cui l’evento è uguale a “gtm.js”
  • dettaglio di prodotto: come sopra, quindi basta un tag
  • checkout: regola in cui l’url contiene la parola “ordine”; regola in cui l’evento è uguale a “gtm.js”
  • acquisto: regola in cui l’url contiene la parola “conferma-ordine”; regola in cui l’evento è uguale a “gtm.js”

verificare il funzionamento

se avete Google Chrome potete installare il Tag Assistant che vi permette di monitorare tutti i tag di Google Tag Manager e anche il Data Layer dell'enhanced e-commerce


Se vuoi semplificare l'installazione

noi abbiamo sviluppato un modulo ad hoc: http://www.bwlab.it/product/google-analytics-extended/

Post popolari in questo blog

install language on osTicket

this simple guide aims you to install and configure your language on osTicket i written this guide based on forum post http://osticket.com/forum/discussion/76252/installing-language-pack

Vich Uploader: due note per ricordare un apio di aspetti

la documentazione del bundle symfony vich uploader è chiara, anche se non è perfetta
quindi ecco un paio di note per non incappare in errori sciocchi che però fanno perdere tempo.
la configurazione in config.yml contiene le specifiche di come devono essere trattati i files in upload
la configurazione ha un nome e si chiama mapping. nella documentazione del bundle è product_image
nell'entity che conterrà l'immagine è necessario specificare due campi: imageFile e imageName
imageFile contiene il riferimento alla classe symfony File, che è il file effettivo in upload. Il campo è definito come UploadableField e richiede due cose: il nome del mapping, ossia il nostro precedente product_image (!importantissimo) e il nome di una proprieta dove mettere il nome del file
Il form che effettua l'upload del file deve inserire nel builder un campo di tipo vich_file o vich_image e il nome di questo campo deve essere imageFile.
in fase di caricamento il bundle crea in automatico le cartell…

Trasferimento server to server (LINUX) della casella email

Oggi ho scoperto un tool veramente molto utile per il trasferimento server to servevr delle caselle email. Ed è acnhe veloce.
Si chiama imapsync [rif: https://imapsync.lamiral.info/ ]In pratica il tool da linea di comando si connette via imap al server email precedente e trasporta tutto al server di destinazioneLo uso quando faccio migrazioni di vps.Come funziona imapsync per sincronizzare e emailInternet è una risorsa. Da questo blog ho preso tutte le indicazioni https://www.jverdeyen.be/ubuntu/imapsync-on-ubuntu/Uso una distribuzione ubuntu 14.04. Non esiste un pacchetto precompilato da installare. imapsync si basa su perl. Ve lo ricordate? Mica è andato in disuso.Primo: si installano le dipendenze di imapsync per la migrazione mail server to serversudo apt-get install makepasswd rcs perl-doc libio-tee-perl git libmail-imapclient-perl libdigest-md5-file-perl libterm-readkey-perl libfile-copy-recursive-perl build-essential make automake libunicode-string-perl Secondo: si scarica i…